Dal prelievo forzoso alle tasse Il piano horror per fare cassa

Dal prelievo forzoso alle tasse Il piano horror per fare cassa

Loading...

Da IlGiornale.it

L’emergenza sanitaria ed economica costerà cara e lo vedremo molto presto. Inutile illudersi: il governo attingerà dalle casse degli italiani per restituire tutti i soldi avuti in prestito e la richiesta di tasse arriverà anche dall’Unione Europea.

E così, nel mirino per recuperare liquidità ci sono i tre beni più importanti degli italiani: casa, reddito fisso e risparmi.

Ecco la prima “sorpresa”

Il Recovery Fund europeo sarà come un boomerang: dei 172 milardi che riceverà il nostro Paese, di cui 82 a fondo perduto, più della metà (90 miliardi) andranno restituiti con gli interessi fino al 2058. La “sorpresa” che molti non sanno è, che tra i vincoli di questa restituzione, figura anche un prelievo fiscale extra di 20-30 miliardi di euro l’anno a carico dei bilanci delle grandi aziende.

Come riporta LaVerità, il debito pubblico è ormai arrivato 36 miliardi di euro ed il lockdown, da solo, ha fatto scomparire altri 26 miliardi di entrate. Come se non bastasse, i Comuni hanno denunciato perdit per 9 miliardi. Insomma, è inevitabile che nuove tasse bussano alla porta anche se nessuno lo dice. Se lo Stato non interverrà, gli enti locali avranno soltanto due alternative: aumento delle imposte e taglio dei servizi come le manutenzioni di strade o giardini, la ristrutturazione di edifici pubblici, asili, centri per gli anziani e chi più ne ha più ne metta. L’Imu torna sempre di moda, da sola garantisce 11 miliardi. L’allarme lo aveva lanciato il presidente Inps, Pasquale Tridico, quando a marzo aveva dichiarato che “fino a maggio non c’è problema di liquidità”. Per la proprietà transitiva, essendo alle porte di luglio, il problema adesso c’è, eccome. E l’unica soluzione sarà quella di nuove tasse.

Il tesoretto degli italiani

Come nel 1992 con il governo Amato, anche in quest’occasione si potrebbe ricorrere ad un prelievo dalle tasche degli italiani che, nei mesi di chiusura, hanno risparmato circa 20 miliardi. Romano Prodi crede che la strada da seguire sia questa, assieme a quella di accettare il Mes. In più, il democratico Graziano Delrio ha proposto una supertassa solidale da applicare ai redditi superiori agli 80 mila euro per il bienno 2020-2021. Insomma, tra un’imposta e l’altra il governo potrebbe “raccogliere” circa 30 miliardi, sette in meno di quelli che verrebbero dal Mes. Oltre a tante altre micro tasse con cui avremo a che fare nei prossimi mesi (come l’aumento dei rifiuti, l’occupazione del suolo pubblico e la pubblicità), ecco due nuove possibili amare sorprese.

Arriva il prelievo forzoso?

Soltanto “forzoso” serve a capire che non sarà una cosa piacevole: si tratta di una tassa che colpisce i depositi bancari ed i conti correnti. Il precedente risale a 28 anni fa quando il governo Amato prelevò dai conti correnti degli italiani il 6 per mille ma che oggi potrebbe arrivare al 10 per mille. Un’enormità. Per capirci: i depositi in banca ammontano a circa 1.500 miliardi, con il 10 per mille verrebbero prelevati dallo Stato circa 15 miliardi. All’epoca, invece, l’operazione fu legittimata con un decreto d’urgenza pubblicato alla mezzanotte tra il 10 e l’11 luglio perché servivano gli ultimi 8mila miliardi di lire per la manovra correttiva da 30mila miliardi di lire e l’allora ministro delle Finanze Giovanni Goria propose il prelievo forzoso.

L’Italia era nella tempesta e sull’orlo del fallimento. “Fu un male necessario”, disse anni dopo Amato per spiegare il motivo di una scelta così impopolare. L’Italia si trovava in una situazione di emergenza della finanza pubblica simile a quella di oggi con un debito pubblico che corre verso il 160% del pil e alta disoccupazione, ecco perché è altamente probabile che verranno toccati i risparmi dei cittadini. In più, recentemente il premier Conte ha affermato che il risparmio privato “è una delle ragioni di forza della nostra economia”. Un altro indizio.

Ecco le addizionali

Ma non è finita qui: nello tsunami delle probabili tasse in arrivo non si possono non considerare le addizionali, cioè le imposte sulle successioni e donazioni, la Tari, le addizionali comunali e regionali, l’imposta di soggiorno, sulla pubblicità e sull’occupazione del suolo pubblico. E poi ancora c’è la ‘green tax’ sulle emissioni di Co2 ed il tributo su giochi e lotterie.

Soltanto l’Irpef porterebbe nelle casse dello stato circa 4,5 miliardi di euro ma non da sola: si metterebbe mano anche alla tassa di soggiorno, un’entrata importante soprattutto per i Comuni in dissesto che frutta ogni anno circa 450 milioni di euro. Non pochi, ed è per questo che molto probabilmente aumenterà.

E poi c’è il ritocco dell’imposta su successioni e donazioni, che spunta sempre ad ogni manovra economica ma finora è stata sempre accantonata. Un dossier dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani dell’Università Cattolica guidato da Carlo Cottarelli ci dice che questa tassa è già aumentata anche nei paesi europei con un balzo fino a 820 milioni nel 2018, mentre la sola Francia ha incassato ben 14,3 milirdi. Sicuramente, lo Stato italiano saprà come “cavarserla” anche in questo caso.

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus ( )