“Qualcosa non sta funzionando E in autunno non ci salveremo”

“Qualcosa non sta funzionando E in autunno non ci salveremo”

Loading...

Da IlGiornale.it

L’Italia sta perdendo una grande occasione: avrebbe dovuto sfruttare le temperature alte di questi giorni per avvicinare allo zero la presenza del Coronavirus, ma invece la discesa dei casi si è fermata.

A dare un chiaro avvertimento è stato Andrea Crisanti, che ha illustrato qual è il quadro della situazione a quasi un mese e mezzo dalla ripartenza graduale del Paese. La sua analisi si basa su alcuni punti fermi, che a suo giudizio fotografano in maniera corretta la realtà: “I numeri dell’epidemia ora sono bassi, però c’è un elemento che ci deve fare molto preoccupare“. E qual è questo fattore? I nuovi casi non diminuiscono da settimane e gli scostamenti sono poco significativi: “Qualcosa non sta funzionando”.

Il direttore di Microbiologia e Virologia dell’Università di Padova ha posto l’attenzione sulla Lombardia, dove “non si sta facendo il tracciamento dei casi, non li si sta cercando e isolando”, altrimenti il calo sarebbe proseguito. Appare evidente come il Covid-19 sia molto sensibile al fattore climatico, ma questo aspetto potrebbe aumentare i timori in vista dell’autunno. Gli esperti si sono divisi su una possibile seconda ondata, ma il parere del consulente della Regione Veneto è il seguente: “Avremmo dovuto sfruttare queste settimane per portare vicino a zero i casi positivi, in modo da ridurre al massimo la base di infetti per quando tornerà il freddo e la situazione climatica sarà favorevole a Sars-CoV-2. Non ci stiamo riuscendo. Non va bene”.

“Il virus circola ancora”

Nell’intervista rilasciata a Il Messaggero, Crisanti ha parlato anche degli assembramenti come possibile causa di eventuali peggioramenti della situazione: “Siamo fortunati che il virus pare sensibile alle condizioni climatiche, altrimenti eravamo rovinati. Ma ciò che ci sta salvando ora, non ci salverà in autunno-inverno”. Uno dei recenti casi è stata la maxi festa a Napoli dopo la vittoria della Coppa Italia, con Ranieri Guerra – direttore aggiunto dell’Organizzazione mondiale della sanità – che è intervenuto senza mezzi termini: “Sciagurati!”.

Al di là dei nuovi casi di Pechino, l’Asia sta limitando i danni poiché va considerato che la loro tradizione di controllo delle malattie infettive è superiore alla nostra: “Hanno in piedi un sistema epidemiologico territoriale con i controfiocchi”. Ma come è possibile che a Singapore vi siano 41mila casi ma solo 26 decessi? “Significa che il virus circola molto di più di quello che pensiamo”. Infine il virologo si è voluto soffermare su un’altra questione: “Di questo virus ancora non abbiamo capito molto. Ci sono ancora molte, molte cose da capire”.

CATEGORIES
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus ( )